I grandi classici, nostalgia canaglia

index_12

L’intellettuale di provincia quando entra in libreria, quelle rare volte, lo fa per sputare sulla letteratura contemporanea e venerare i classici. Per lui non esiste niente oltre i grandi lirici greci, nulla dopo le tragedie di Eschilo, Sofocle, Euripide. Il tapino è così infognato con la letteratura greca, che già la letteratura latina sembra insospettirlo. L’intellettuale “old school” dalle mie parti è così “old school” che non è ancora arrivato al verismo. Zola gli sembra troppo pop, Flaubert un giocatore della Francia, Tigana, Bossis, Platini, Flaubert, Lacombe, Barthes, Perec e Rochetau. Il Nostro in genere entra in libreria, sempre quelle rare volte, spara a zero su tutti i libri che vengono stampati oggigiorno, in specie su quelli americani, rimane un attimo in posa plastica con lo sguardo rivolto verso il teatro greco e poi fugge via richiamato dalla musa senza mai comprare un libro. Mai. (A parte qualche volumetto di ricordi d’infanzia pubblicato a pagamento da un compare di club service con qualche pseudo-editore che tira su bei soldi sfruttando l’ego dei gonzi). Quando gli ricordi che Elio Vittorini traduceva la letteratura americana e apprezzava i Peanuts, questo bel tomo di intellettuale siracusano non risponde, ma ti guarda di sottecchi, come se lui non degnasse quelli che hanno fatto lo scientifico o – non sia mai – le scuole tecniche.
Certo, ci vuole un po’, ma alla fine ti accorgi che il suo è solo un problema neurologico. L’avanzare dell’età e dei primi seri acciacchi, insieme a un ego mai sazio di attenzioni, fanno sì che il nostro intellettuale di provincia confonda la “cultura classica” con quel periodo della sua giovinezza in cui andava in giro sulla moto, marinava la scuola e corteggiava le sue coetanee sperando di ricevere favori sessuali in cambio di un passaggio sulla Vespa. Poco importa che copiasse sistematicamente le versioni di greco, o che fosse spesso rimandato a settembre, quella parte lì è stata rimossa, il nostro eroe parla di Eschilo, Sofocle, Euripide, ma sta rievocando la sua perduta giovinezza. Nostalgia canaglia.

Annunci

5 thoughts on “I grandi classici, nostalgia canaglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...