Informazioni su ang

Angelo Orlando Meloni è nato a Catania e vive a Siracusa. Aggiorna saltuariamente un blog dal colore verde come la speranza, la benzina e l'ecologia. Altre robe che hanno cambiato o cambieranno le sorti delle patrie lettere le trovi nelle pieghe del web e ogni tanto in libreria. angelorlandomeloni[at]gmail.com

Soltanto Mazinga…

Ormai soltanto un Mazinga ci può salvare.

Alla via così…

Non si fa altro che parlare di denatalità e siamo sette miliardi, sette miliardi di persone che consumano le risorse del pianeta. Agli scienziati veri, agli scienziati della televisione e agli scienziati di facebook ricordo che quando la mortalità diminuisce in genere si fanno meno bambini; che nelle società più sviluppate le donne non sono solite partorire una squadra di calcio; che dovete farvene una ragione e smetterla di rompere il cazzo, la ricchezza implica meno bambini; che se proprio vogliamo fare qualcosa per arginare il fenomeno, bisognerebbe rendere la vita dei neogenitori meno tremenda e aumentare qli stipendi da fame che hanno affossato l’Italia. Tutto il resto è fuffa nazional-popolar-qualunquist-sovranista.
E me ne torno come sempre al mio ripasso integrale di Star Trek.
“Alla via così, signor Sulu”.

Bing – Il vademecum dei cartoni 2

bing

Eccoci arrivati alla seconda puntata del mio agile vademecum per chi si approccia alla genitorialità e sarà presto vittima di migliaia di ore di cartoni animati. Oggi parliamo del buon vecchio Bing. Ma attenzione, Bing non è il ricettatore del conte Oliver nelle avventure di Alan Ford e il gruppo T.N.T., lo dico per i nostalgici con i capelli bianchi che ancora giocano a fare i super giovani e la sera se ne vanno in giro a sbevazzare come se avessero vent’anni. No, signori, perché come ben sanno tutti i genitori, con i capelli bianchi o no, e in molti casi senza capelli, Bing è un cartone animato tratto dagli omonimi libri di Ted Dewan, che dal 2014 infesta le nostre televisioni. Dopo essere stato costretto dalla prole a vedere sempre le stesse puntate per circa trentasettemila volte, ho avuto un’illuminazione e il mondo e i suoi retroscena mi si sono svelati. Bing è una lancinante, allucinante e malinconica distopia in cui i genitori dei bambini sono stati sostituiti da bambole di pezza senzienti, prive di pollice opponibile e dotate di appendici palmate. Ma c’è dell’altro.

Continua a leggere

Dottor Manhattan che tiene famiglia

Ora che lo avete visto tutti, qualcuno mi spiega perché il dottor Manhattan prima di essere [spoiler] non fa [spoiler] la [spoiler] del tipo che tiene il cannone risucchio-tachionico oltre alle [spoiler] di tutti gli altri brutti ceffi?

Ubbidisce alle leggi inesorabili del fato o alla necessità dello sceneggiatore di arrivare alla fine? Anche alla HBO, seppure posti di fronte ai misteri dell’infinito e allo spettacolo rapinoso della sincronia cosmica, rispondono “tengo famiglia”?

p.s.
forse sono io che non ho capito bene il finale e mi sono perso qualcosa, per cui nel caso: spiegatemi tutto, o saggi amici della Rete.

Le due culture e i buoni propositi per il 2020

A fine anno non mancano le liste di buoni propositi, cose su cose da fare, libri senza virgolette nei dialoghi e senza finale da leggere costi quel che costi, film asfissianti da vedere una volta per tutte, dischi assurdi ma very cool da ascoltare per colmare le lacune. La mia lista sarà però abbastanza semplice, proporrò un bivio di lettura; e poi ognuno sceglierà cosa leggere e dove andare. E se qualcuno si offenderà, pazienza, l’oceano è vasto. Continua a leggere

Fin qui tutto bene

Allora, riassumendo le ultime puntate così come ce le siamo raccontate dalle mie parti, le sardine cripto fasciste minano la democrazia difesa dai carabineros cileni mentre a Hong Kong potenze oscure complottano per okkupare l’università e una giornalista che scambiava le lanterne cinesi per UFO e ne scriveva sui quotidiani crede di meritare il Nobel e aderisce a un movimento di protesta contro l’editoria masson-globalista mentre Soros vuole sostituire gli ortigiani con sceicchi forniti di yacht alti tre piani che introdurranno la sharia nelle paninerie ambulanti e un guru del self help alla matalotta ci dice che in Sicilia consumiamo meno psicofarmaci perché siamo puri e santi. E infatti abbiamo le visioni.
Da Siracusa per oggi è tutto. Da voi come butta?