Bing – Il vademecum dei cartoni 2

bing

Eccoci arrivati alla seconda puntata del mio agile vademecum per chi si approccia alla genitorialità e sarà presto vittima di migliaia di ore di cartoni animati. Oggi parliamo del buon vecchio Bing. Ma attenzione, Bing non è il ricettatore del conte Oliver nelle avventure di Alan Ford e il gruppo T.N.T., lo dico per i nostalgici con i capelli bianchi che ancora giocano a fare i super giovani e la sera se ne vanno in giro a sbevazzare come se avessero vent’anni. No, signori, perché come ben sanno tutti i genitori, con i capelli bianchi o no, e in molti casi senza capelli, Bing è un cartone animato tratto dagli omonimi libri di Ted Dewan, che dal 2014 infesta le nostre televisioni. Dopo essere stato costretto dalla prole a vedere sempre le stesse puntate per circa trentasettemila volte, ho avuto un’illuminazione e il mondo e i suoi retroscena mi si sono svelati. Bing è una lancinante, allucinante e malinconica distopia in cui i genitori dei bambini sono stati sostituiti da bambole di pezza senzienti, prive di pollice opponibile e dotate di appendici palmate. Ma c’è dell’altro.

Continua a leggere

Il vademecum dei cartoni – 1

IMG_20191107_180444
Ecco un agile vademecum per chi si approccia alla genitorialità e sarà presto vittima di migliaia di ore di cartoni animati.
Zig & Sharko: capolavoro assoluto.
44 gatti: male assoluto.
Ladybug: un cartone un perché grande così, intrigante come una granita al tamarindo senza tamarindo.
Paw Patrol: piace solo ai figli dei Vogon.
Alvin: se siete masochisti.
Masha e Orso: stacce!!
PJ Masks: vedrai ogni puntata sperando che muoiano tra indicibili sofferenze.
Molang: psichedelico.
Winx: ma è uno spin-off di Hellraiser?
Daniel Tiger: non me la conta giusta, da grande spaccia.
Bing: distopia crepuscolare in cui i bimbi vivono da soli con un doudou parlante.
Peppa pig: quando va in onda Peppa nessuno può sentirti urlare.
Pocoyo: viaggio allucinante, fratelli marziani top!
Simone: molto bello, ma in una puntata traducono doudou con “fazzoletto”, doppiatori sovranisti.
Curioso come George: nel lungometraggio era una scimmietta normal-tenerissima, nella serie TV sa guidare la astronavi, boh…
Floopaloo: se hai sprecato tredici ore della tua vita per The Defenders della Marvel non lamentarti adesso per Floopaloo.
Topo Tip: 666!!1!!!!11!!
Trulli tales: superata l’incredulità, lo seguirai con trasporto, sospinto dalla fede per la focaccia.
Teen Titans go: yeah.
Shaun vita da pecora: più figo e sorprendente del 90% del cinema d’autore che i sensi di colpa ti hanno obbligato a subire per una vita simulando rapimento estetico.
Siamo solo orsi: top del top del top!
Pingu: the king!!